English French German Spain Italian Dutch Russian Portuguese Japanese Korean Arabic Chinese Simplified

miércoles, 6 de julio de 2011

L'Uomo non può morire



L'Uomo non può morire, nemmeno se lo desidera: la sua Patria è l'Eternità.


Chi è illuminato dall'Eterna Verità, questo lo sa e non teme la morte.


Vi ingannate quando credete che l'uomo sia l'involucro fisico; vi ingannate, perché non è verità.
L'uomo, l'Io Eterno è dentro il suo mezzo, il suo strumento fisico-sensoriale.

Il corpo altro non è che servitore, collaboratore di colui che spazia nel tempo e nello spazio, fuori del tempo e dello spazio.

Il corpo è il temporaneo abitacolo dello spirito vivente ed operante nella dimensione fisica.

Il vero uomo, quello reale ed eterno non potrà mai, mai morire, mai.
La morte del corpo è la causa del suo trasferimento in altra sede, in un altro piano operativo sperimentale, in un altro abitacolo idoneo a migliorare le conoscenze, a riabilitare gli errori, ad ampliare la capacità evolutiva, a comprendere sempre più la funzione dei valori complementari che istruiscono il Divenire continuo e la crescita dell'essere macro-cosmico.

Tanti i sentieri e tante le sperimentazioni che lo spirito percorre ed attua. L'Intelligenza e lo spirito sono una sola cosa.

Con Fraterno Amore.




Hoara
Eugenio Siragusa.
trucos blogger